il gatto consigli per farlo sentire a casa

Il gatto: cinque consigli per farlo sentire davvero a casa

 

Il gatto è un animale estremamente intelligente e capace di relazionarsi alle persone e adattarsi alla vita domestica. Ecco cinque consigli per farlo sentire davvero a casa.

 

Il luogo di riposo

Il gatto dedica gran parte della giornata al riposo, così da essere pronto per lunghe battute di caccia o di gioco!
È importante sapere che un gatto non dorme mai per lunghi periodi nello stesso luogo ma lo cambia di frequente.

È necessario:

  • preparare più luoghi con cuscinetti e copertine in cui il gattino possa riposare tranquillo;
  • rispettare questi luoghi come posti in cui il nostro Amico non deve essere mai disturbato.

Il cibo

Il gatto mangia sia durante il giorno che durante la notte consumando numerosi piccoli pasti (anche quindici, sedici nelle 24 ore). È importante che fin da subito il piccolo abbia a disposizione cibo secco ad libitum in modo che impari a regolare da solo la quantità necessaria alle sue attività, concedendo qualche cucchiaino di cibo umido o qualche premietto.

È necessario:

  • disporre due o tre punti cibo (crocchette), lontano da luoghi particolarmente rumorosi e dalle cassette igieniche.
  • L’acqua deve essere sempre fresca ed abbondante. È possibile utilizzare una fontanella a riciclo di acqua che potrebbe diventare anche un gioco per il nostro gattino.

Le cassette igieniche

Ogni gatto deve avere a disposizione una o meglio due cassette con lettiera sempre pulita, sabbia semi – agglomerante, senza deodoranti o sostanze irritanti che si sciolgono esalando cattivi odori. Il gatto è un animale molto pulito e, una volta diventato adulto, preferisce urinare e defecare in cassette diverse.

È necessario:

  • predisporre una cassetta in più rispetto al numero dei gatti presenti;
  • pulire la lettiera (togliere la parte sporca) due volte al giorno.

Il graffiatoio

Ogni gatto identifica il luogo in cui si trova deponendo una marcatura, lasciando cioè uno speciale segnale odoroso. Le marcature possono essere di vario tipo: facciali (sfregare le guance vicino ad oggetti o persone), urinarie (spruzzare urina su superfici verticali) o visive (i segni lasciati quando si “fa le unghie”). Alcuni gatti emettono graffiature su superfici orizzontali mentre altri su superfici verticali: gli permettono di sentirsi tranquillo e sicuro in un luogo che conosce. Il gatto depone le graffiature vicino ai luoghi dove dorme, dove elimina e vicino alle entrate – uscite (la porta finestra che dà sul balcone, la porta di casa). Se non disponiamo appositi oggetti rovinerà divani, poltrone, tappeti, tappezzeria e tutto quello che troverà di suo gradimento!

È necessario:

  • disporre dei graffiatoi in punti ben visibili della casa;
  • nel caso in cui fossero a torretta, l’altezza della struttura deve essere superiore a quella del gatto.

Il trasportino

Il trasportino dovrebbe essere considerato dal gatto “una piccola casetta viaggiante”: al suo interno deve sentirsi sicuro e protetto. Per questo è importante lasciarlo sempre a disposizione del piccolo con la porticina aperta ed all’interno un morbido cuscino.

È necessario:

  • abituare il gatto ad entrarvi, magari lanciando un topolino al suo interno;
  • vaporizzare nel trasportino i Feromoni di tranquillità prima di ogni viaggio;
  • compiere, almeno due volte la settimana, brevi tragitti in automobile così che il gattino impari a viaggiare;
  • al rientro a casa è necessario lavare l’interno del trasportino con acqua e sapone neutro in modo da eliminare i feromoni di allarme che il gattino può aver emesso dai polpastrelli durante il trasporto.

Conclusioni

Il gatto è un animale estremamente intelligente e capace di relazionarsi alle persone ed alle situazioni. È un animale collaborativo che ama fare della cose con le persone con cui vive: è importante spiegare ai proprietari che un appartamento deserto e silenzioso non è l’ambiente di vita ideale per un gatto e che accogliere in casa un gattino significa anche dedicargli una parte di spazio e di tempo da distribuire in maniera soddisfacente per entrambi. Il kitten party è un modo per mostrare in maniera non solo teorica, ma anche visiva come un gatto vede e gestisce lo spazio così da fornire al proprietario un nuovo modo per comunicare con questo e per rispettare la sua diversità, perché non c’è cosa peggiore che salvare un gattino dalla strada o da un futuro incerto e donargli una vita priva di vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *